Seguici sui Social
Facebook
Instagram
Iscriviti alla Newsletter

  • Non ci sono prodotti nel carrello.

Consigli d’uso e manutenzione per taglieri da cucina

AVVERTENZE

Per mantenere il tagliere nelle migliori condizioni:

  1. non lasciarlo mai immerso in acqua!
  2. non lavarlo mai in lavastoviglie!
  3. tienilo sempre lontano da fonti di calore!
PULIZIA

Nel rispetto dell’ambiente e della tua salute, tutti i nostri consigli sono volti all’utilizzo di prodotti naturali ed ecologici.

La pulizia regolare deve essere effettuata semplicemente con acqua calda. A piacere puoi utilizzare poche gocce di detersivo liquido per piatti biologico oppure sapone di Marsiglia. Si sconsiglia l’utilizzo di detersivo per piatti chimico perché potrebbe contaminare il legno e quindi i vostri cibi.

In alternativa, per una pulizia quotidiana, puoi utilizzare dell’aceto bianco diluito in acqua. L’aceto è indicato anche per disinfettare il tagliere tra un uso e l’altro, ovvero se ti capita di dover tagliare cibi diversi nella medesima occasione, in specie carni crude. L’ideale sarebbe utilizzare un tagliere diverso per ciascuna tipologia di alimento: uno per la verdura, uno per la carne, uno per il pesce etc.

Per una pulizia più accurata (un paio di volte al mese o dopo un utilizzo particolarmente intenso), cospargi la superficie del tagliere con del sale e strofina aiutandoti con mezzo limone. Il sale aiuterà ad eliminare eventuali residui di cibo depositatisi nei solchi rimasti sul tagliere, per via dell’uso del coltello, ed è un potente ed insostituibile disinfettante naturale, migliore di qualsiasi preparato chimico. Il succo di limone avrà invece effetto contro i cattivi odori.

In ogni caso, dopo il lavaggio, risciacqua con acqua calda e strofina il tagliere con un panno pulito, quindi lascialo asciugare in posizione verticale e senza esporlo direttamente alla luce del sole.

LE RAGIONI DELLA MANUTENZIONE

E’ risaputo che il legno teme l’umidità, per cui è necessario proteggerlo al fine di evitare deformazioni o screpolature.

Nel caso specifico di manufatti destinati al contatto con alimenti, l’unica soluzione per trattare correttamente il legno è saturarne i pori al fine di evitare infiltrazioni (acqua, succhi etc.). Ovviamente, tale saturazione deve essere fatta con prodotti naturali ed atossici, i quali possono essere tranquillamente ingeriti. Le caratteristiche appropriate le ritroviamo solo in alcuni tipi di oli e cere.

Tuttavia gli oli e le cere ad uso alimentare non formano uno strato duro ed impermeabile come le classiche vernici per legno, le lacche etc. Ciò significa che ogni volta che pulisci il tuo tagliere in legno un po’ di olio e/o di cera verrà lavato via. E’ per questo motivo che la manutenzione deve essere un processo continuo: solo così potrai donare lunga vita al tuo tagliere!

Ti raccomandiamo di utilizzare solo prodotti specifici per utensili da cucina in legno e certificati idonei all’uso alimentare. Non utilizzare gli oli che usi per cucinare (come olio di semi, olio d’oliva, etc.), perché nel tempo diventeranno rancidi e quindi dannosi per la tua salute e dei tuoi cari!

Conosci il tipo di trattamento a cui sono stati sottoposti i tuoi utensili da cucina? Daidalos Design certifica ogni singolo prodotto così da assicurarti il massimo della trasparenza.

MANUTENZIONE ORDINARIA

L’olio fornisce una protezione profonda dall’interno, mentre la cera rende lo strato superiore repellente per l’acqua e impedisce alle particelle di cibo e ai succhi di entrare nel legno. La cera si lava via più velocemente dell’olio e dovresti quindi applicarla più spesso.

Non esiste una regola sul quando trattare il tagliere, puoi farlo tutti i giorni o una volta al mese. Naturalmente, maggiore cura avrai del tuo tagliere, maggiore sarà la durata dello stesso.

Così, quando il tuo tagliere appare “asciutto”, puoi applicare un po’ d’olio (specifico per il trattamento del legno ad uso alimentare) nel seguente modo:

  • assicurati di iniziare con una superficie asciutta e pulita;
  • versa un po’ di olio sulla superficie e distribuiscilo su tutta la superficie con un panno morbido (ad esempio un panno in microfibra) o un tovagliolo di carta;
  • tratta sempre tutti i lati del tagliere, perché il trattamento di un solo lato può portare alla deformazione dello stesso;
  • lascia riposare il tagliere, così da assorbire bene l’olio;
  • dopo circa un’ora, utilizza un panno per rimuovere l’olio in eccesso.

In seguito, dopo il trattamento ad olio, puoi applicare la cera (specifica per il trattamento del legno ad uso alimentare) nel seguente modo:

  • prendi un po’ di pasta con un panno morbido e massaggia con movimenti circolari il legno;
  • tratta sempre tutti i lati del tagliere, perché il trattamento di un solo lato può portare alla deformazione dello stesso;
  • lascia assorbire per circa un’ora;
  • rimuovi la cera in eccesso con un panno.
MANUTENZIONE INTENSIVA

L’uso del coltello segnerà inevitabilmente la superficie del tuo tagliere, d’altro canto è il suo compito. La buona notizia è che, a differenza dei taglieri in plastica, puoi riportare a “nuovo” un tagliere in legno ogni volta che vuoi.

Per ripristinare la finitura originale procedi nel seguente modo:

  • assicurati di iniziare con una superficie asciutta,
  • carteggia le superfici rovinate con carta abrasiva per legno: inizia con grana grossa per eliminare i segni per poi passare gradualmente a grane sempre più fini per uniformare la tavola (ad esempio da P100 a P240);
  • pulisci a secco la superficie e rimuovi la polvere prodotta durante la fase precedente;
  • tratta tutte le superfici con più mani di olio e/o di cera (specifici per il trattamento del legno ad uso alimentare) come illustrato nella sezione precedente.

Può sembrare complicato e faticoso, ma in realtà è anche molto piacevole e dona molta soddisfazione.

Ricorda: il tagliere, se ben manutenuto, può durare una vita!

7 Novembre 2019
Storia di un progetto: portacoltelli Elisa
In questo articolo vi illustriamo come nasce e si sviluppa una creazione della Daidalos...
14 Novembre 2019
Storia di un progetto: tagliere Selene
In questo articolo vi illustriamo come nasce e si sviluppa una creazione della Daidalos...
You cannot copy content of this page