Seguici sui Social
Facebook
Instagram
Iscriviti alla Newsletter

  • Non ci sono prodotti nel carrello.

Storia di un progetto: portacoltelli Elisa

Il primo passo consiste nell’osservare attentamente le caratteristiche che deve possedere l’oggetto in questione, nel nostro caso un portacoltelli. In particolare deve essere:

  1.  funzionale: riporre in modo adeguato e sicuro un numero indeterminato di coltelli di svariate dimensioni,
  2.  igienico: facile pulizia, evitare muffe o accumuli di sporcizia etc.
  3.  bello: design contemporaneo, originale, in linea con gli altri prodotti Daidalos Design,
  4.  resistente: strutturalmente robusto, duraturo etc.
  5.  stabile: evitare le deformazioni nel tempo (trattandosi di legno massello), piano d’appoggio adeguato etc.

disegno tecnico

Il passo successivo consiste nell’osservazione di ciò che offre il mercato al fine di constatare pregi e difetti dei portacoltelli in commercio. Quindi, una volta che si hanno le idee chiare, comincia il processo creativo: l’idea comincia a prendere forma su carta attraverso vari schizzi a mano libera. Successivamente si traduce il disegno su carta in un disegno tecnico al computer, dimensionando al millimetro e ponendo l’attenzione ai fattori limitanti: dimensioni delle tavole di legno, le caratteristiche delle diverse essenze, limiti dimensionali di alcuni utensili, spessore dei tagli etc.

Incollaggio elementi

Siamo finalmente pronti al lavoro manuale. A seconda delle difficoltà del progetto è bene prevedere la costruzione di un prototipo, per verificare che tutte le caratteristiche volute siano rispettate. Il primo prototipo è stato realizzato in legno di abete, molto grezzo e poco rifinito, ma utilissimo per verificare tutti gli aspetti. In effetti con il primo prototipo si è visto che il portacoltelli non presentava proporzioni armoniose, perciò, proprio segando e togliendo parti, è stato possibile affinare il progetto.

Particolare prototipo

Da qui la realizzazione del secondo prototipo in legno massello di faggio e mogano. Purtroppo, o per fortuna, anche qui si è riscontrato un difetto di stabilità: il peso dei coltelli influiva sull’appoggio dell’oggetto, si rendeva necessario aumentarne la larghezza e lo spessore di ciascun elemento. Infine, dal punto di vista estetico, si è deciso di arrotondare tutti gli spigoli esterni.

Ora tutti i test sono superati. Finalmente il progetto ha preso l’aspetto definitivo!

 

Confronto tra prototipo e configurazione definitiva

13 Novembre 2019
Consigli d’uso e manutenzione per taglieri da cucina
Metodi di pulizia ecologici e rispettosi dell'ambiente. Ripristino della superficie. Scopri come manutenere efficacemente...