Seguici sui Social
Facebook
Instagram
Iscriviti alla Newsletter

  • Non ci sono prodotti nel carrello.

La gommalacca

Gommalacca bionda in scaglie

La gommalacca è una fragile e scagliosa resina naturale prodotta da un insetto che colonizza una varietà di alberi del Sud-Est asiatico e viene raccolta dalla corteccia degli alberi dove è stata depositata. Una volta purificata, la sostanza prende la forma di scaglie di colore giallo/bruno.
La gommalacca ha una composizione chimica a base di sostanze idrocarburiche. Essendo commestibile, è stata usata come agente lucidante per pillole e caramelle ed è classificata come additivo alimentare.
Si ritiene che i primi lavori di lucidatura dei mobili con vernici alla gommalacca a tampone siano stati eseguiti in Francia verso la metà del XVIII secolo.
La “soluzione madre” di vernice alla gommalacca si ricava facendo sciogliere a freddo 200 g di scaglie in alcool a 94°C (o superiore) fino al raggiungimento di un litro. Una volta sciolta completamente, la vernice viene filtrata e lasciata invecchiare un anno o più, perché quella invecchiata risulta migliore di quella appena preparata.
Dalla soluzione madre si ricaveranno poi le varie soluzioni a minor concentrazione di gommalacca a seconda della fase di verniciatura.

caricamento del tampone

Lo strumento utilizzato per applicare la vernice è il tampone. Il cuore del tampone è costituito da un batuffolo di cotone di dimensioni variabili, imbevuto di vernice, ed avviluppato in un pezzo di tessuto di lana. Il cuore così costituito viene avvolto da uno straccio di cotone, o misto cotone e lino.
Nella pratica è prima di tutto indispensabile che le superfici da lavorare siano preparate con la massima cura e scrupolosità prima di procedere alla verniciatura a tampone.
Nel procedimento si distinguono poi diverse fasi: riempimento dei pori, prima fase della verniciatura o sgrossatura, seconda fase della verniciatura o finitura, brillantatura.
La fase di riempimento dei pori serve a rendere più compatto il legno, ovvero per ottenere una superficie perfettamente brillante e lucente si rende necessario chiudere tutte le porosità del legno.
Il riempimento dei pori viene effettuato stendendo un sottile strato di pomice in polvere finissima e strofinando il legno con un tampone di tela grossa imbevuto con poche gocce di vernice alla gommalacca molto diluita. Segue una levigatura del manufatto.
Nella fase di sgrossatura si procede all’applicazione della vernice a tampone con un percorso a tratti paralleli e quindi descrivendo degli otto, delle curve irregolari etc.
Stesso discorso vale per la fase di finitura, la differenza principale sta nella concentrazione di gommalacca che va via via a diminuire.

Gomma benzoe o benzoino

Infine nella fase di brillantatura si distribuisce uniformemente una soluzione di benzoino a tampone per conferire maggiore brillantezza e lucentezza.
Mi rendo conto che tale sintetica descrizione non rende giustizia al procedimento, il quale è basato su tecniche consolidate da secoli di pratica. In tale metodologia si concretizzano infatti capacità, conoscenze e sensibilità di generazioni di artigiani che hanno fatto di questa operazione un’arte.
Pertanto la qualità del risultato finale si gioca su una serie di elementi imponderabili e non basati su regole bensì acquisiti da uno stretto rapporto tra la mano e l’occhio dell’artigiano e dall’esperienza.
Verniciare a tampone è un’operazione completamente diversa da qualsiasi altro sistema e consiste in una continua, ininterrotta sovrapposizione di sottilissimi strati di vernice e nella loro interazione.
Il procedimento richiede, oltre alla sensibilità ed esperienza dell’artigiano, molto lavoro e molto tempo, tanto che gli antichi artisti non esitavano a lasciar essiccare la vernice uno o due mesi prima di passare alla stesura dello strato seguente.
In conclusione si può affermare che, se ben realizzato, il procedimento di verniciatura a tampone con gommalacca permette di ottenere risultati di impareggiabile bellezza ed una lucentezza vellutata che non ha ancora trovato eguali tra le moderne proposte sintetiche.

 

 

verniciatura a tampone di una scacchiera Daidalos Design con gommalacca

16 Gennaio 2020
L’intarsio
Approfondimento sull'antica tecnica dell'intarsio del legno
You cannot copy content of this page